Difetti visivi

Per buona visione si intende la capacità del nostro occhio di mettere a fuoco sulla retina i raggi luminosi che provengono dal mondo esterno. L’occhio che vede correttamente si dice “emmetrope”.

Quando invece la messa a fuoco delle immagini non avviene correttamente siamo in presenza di un occhio affetto da un difetto visivo o ametrope.

I principali difetti visivi sono:

  • miopia;
  • astigmatismo;
  • ipermetropia;
  • presbiopia.

I difetti di refrazione si misurano in diottrie: la diottria è l’unità di misura utilizzata per esprimere il potere delle lenti necessario per modificare il percorso della luce e permettere alle immagini di essere a fuoco sulla retina.

Le lenti utilizzate per correggere le ametropie possono essere sferiche (negative o positive) e cilindriche (astigmatiche).

L’acuità visiva, misurata in decimi, indica la riga di lettere più piccola che un soggetto, sottoposto all’esame della vista (visus), è in grado di leggere sulla tavola (ottotipo). Su quest’ultima sono riportati simboli o lettere di diversa grandezza. Quanto più piccole sono le lettere che il paziente è in grado di leggere, tanto più elevata sarà la sua acuità visiva. Ciò vuol dire che un paziente che vede 10/10 vede meglio di un paziente che vede 8/10.

Miopia

La miopia è caratterizzata da una visione sfocata da lontano.

Astigmatismo

L’astigmatismo è caratterizzato da un peggioramento della vista sia da lontano che da vicino.

Ipermetropia

L’ipermetropia è caratterizzata da una visione sfocata da lontano e da vicino.

A differenza della presbiopia non ha correlazione con l’età.

Presbiopia

La presbiopia è un disturbo della vista caratterizzato dalla perdita progressiva della capacità di mettere a fuoco da vicino.

Si tratta di una condizione legata all’avanzare dell’età.

Pediatria Oculistica

L’oculistica dedicata ai pazienti più importanti in assoluto: i nostri bambini.