dr. Gaspare Monaco

dr. Gaspare Monaco

Medico chirurgo oftalmico dell'Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico

Il laser agli occhi: tecniche chirurgiche, costo e recupero post-operatorio

Il costo dell'operazione laser agli occhi varia in base alla tecnica utilizzata: FemtoLasik o PRK. Vediamo insieme le differenze.
operazione laser occhi costo

Il laser agli occhi è un intervento ambulatoriale di correzione dei difetti visivi, il cui costo varia in base al trattamento scelto.

Diversamente dal passato, il laser agli occhi non è più mutuabile; le convenzioni con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) sono possibili solo per:

  • malformazioni che impediscono una vista corretta;
  • tumori corneali;
  • anisometropie (occhi con rifrazione diversa) elevate;
  • altre patologie maggiori.

Considerando quanto detto, la scelta di un ottimo studio oculistico, con strumentazione aggiornata e con un chirurgo con comprovata esperienza, può fare la differenza nel risultato finale.

Vediamo, dunque, in questo articolo, quali sono i possibili trattamenti, i rispettivi costi e quando possono essere utilizzati.

Il laser agli occhi

laser occhi

Con laser occhi si intendono le pratiche di chirurgia refrattiva che utilizzano il laser per la correzione dei difetti visivi.

I più utilizzati attualmente sono:

  • la FemtoLasik;
  • la PRK;
  • la PRK transepiteliale.

Tutte le tecniche prevedono l’utilizzo del laser ad eccimeri, ma viene utilizzato in maniera differente.

Ho trattato le differenze tra PRK e FemtoLasik nel dettaglio in questo articolo:

Vi invito a leggerlo e contattarmi per esprimere ogni vostro dubbio, così da chiarire ogni aspetto relativo non solo a queste tecniche, ma alla chirurgia refrattiva in generale.

Per riassumere, PRK e FemtoLasik si distinguono principalmente per:

  • laser utilizzati;
  • conformazione oculare (la PRK viene utilizzata per le cornee sottili);
  • dolore nel post-operatorio;
  • costo;
  • tempi di recupero.

Questi ultimi, infine, sono variabili, ma a prescindere dalla tecnica utilizzata è importante prestare attenzione durante il post-operatorio dell’operazione agli occhi, perché alcuni comportamenti possono compromettere la corretta guarigione.

FemtoLasik

femtolasik

La FemtoLasik è il “gold standard” dell’operazione laser occhi e prevede l’utilizzo di due laser:

  • il laser a femtosecondi, per accedere alla sezione profonda della cornea, creando un flap corneale;
  • il laser ad eccimeri, che modifica strutturalmente la cornea.

La tecnica in questione è l’evoluzione della Lasik (Laser-ASsisted In situ Keratomileusis), che prevedeva l’utilizzo di uno strumento meccanico chiamato microcheratomo per creare il flap corneale.

Oggi il microcheratomo è stato sostituito dal laser a femtosecondi, eliminando notevolmente i rischi legati alla manualità del chirurgo e creando un accesso perfettamente circolare, rendendo il post-operatorio più rapido e meno fastidioso.

Il visus, inoltre, si stabilizza in tempi brevi, da alcuni giorni a massimo 2 settimane.

PRK e PRK transepiteliale

prk

La tecnica PRK, diversamente dalla FemtoLasik, prevede il solo utilizzo del laser ad eccimeri: viene rimosso il tessuto epiteliale, la parte più esterna della cornea, e si modifica la parte anteriore tramite ablazione (vaporizzazione).

La differenza tra PRK standard e PRK transepiteliale consiste nella metodica di asportazione dell’epitelio di superficie: mentre nella tecnica standard la rimozione avviene per mano del chirurgo, nella PRK transepiteliale è il laser stesso che rimuove prima l’epitelio e poi corregge il difetto visivo.

Si utilizzano principalmente per pazienti con:

  • cornee sottili;
  • macchie sulla cornea legate a cicatrici post-traumatiche.

Il recupero post-operatorio della PRK standard è riferito dai pazienti più lungo e doloroso; la stabilizzazione del visus, inoltre, richiede più tempo, fino anche a 3 mesi, ma i risultati sono equiparabili alla FemtoLasik.

Per quanto riguarda la PRK transepiteliale, invece, i tempi di recupero sono più veloci, circa 1 mese per il recupero visivo completo, ma comunque superiori rispetto alla FemtoLasik.

Il costo del laser occhi

laser occhi costo

La tecnica FemtoLasik ha un costo di 1.600€ ad occhio e nel prezzo sono incluse le visite post-operatorie del giorno dopo, della settimana successiva e del mese dopo.

La PRK standard, ad occhio, costa 1.300€ e, come per la Lasik, sono incluse le visite post-operatorie fino ad un mese dopo l’intervento.

La PRK transepiteliale, ad occhio, costa 1.400€ e anche in questo caso sono incluse le visite post-operatorie fino ad un mese dopo l’intervento.

Tutte le operazioni, come anticipato in apertura di questo articolo, non possono essere convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale.

Ho però stipulato degli accordi con le cliniche più famose di Milano per finanziare i costi dell’operazione in più rate e dilazionare la spesa nel tempo.

Per avere maggiori informazioni a riguardo, ti invito a visitare questa pagina.

I tempi di recupero del laser occhi

operazione laser occhi tempi di recupero

Oltre alle differenze citate in precedenza, la FemtoLasik e la PRK presentano tempi di recupero decisamente diversi.

A seguito di una FemtoLasik, dopo 3 giorni sarà già possibile riprendere la propria quotidianità, nonché tornare a lavoro.

Non si avvertirà dolore dopo l’operazione, ma è possibile un leggero fastidio che svanirà dopo un giorno.

L’acuità visiva completa si ottiene dopo 7/10 giorni dall’intervento, avendo cura comunque di proteggere gli occhi e di applicare i colliri antibiotici prescritti.

I tempi di recupero della PRK sono più lunghi rispetto alla FemtoLasik: si parla di circa 2 settimane per la PRK standard e 1 settimana per la PRK transepiteliale, al termine delle quali si avrà l’attenuarsi del dolore e si potrà riprendere l’attività lavorativa.

Per ottenere l’acuità visiva completa, bisognerà attendere almeno un mese per quanto riguarda la PRK transepiteliale e almeno 2-3 mesi per la tecnica standard.

È inoltre importante ricordare che in questo periodo saranno possibili degli sbalzi di vista anche importanti ma normali.

Un fenomeno post-operatorio che si potrebbe sviluppare con la PRK è l’haze, ovvero la cicatrizzazione della cornea non corretta, con conseguente vista opacizzata.

Questo fenomeno è comunque prevenibile sottoponendosi alle regolari visite postoperatorie e seguendo la corretta applicazione dei colliri della terapia prescritta.

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche: