dr. Gaspare Monaco

dr. Gaspare Monaco

Medico chirurgo oftalmico dell'Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico

Operazione miopia: le 10 domande più frequenti

L'operazione per la miopia è ancora oggi una procedura poco chiara per il paziente: ecco come togliersi i 10 dubbi più frequenti.
operazione miopia

L’operazione per la miopia

Quando si parla dell’operazione per la correzione della miopia, molte persone non sanno nello specifico in cosa consiste. Chi è interessato a questo tipo di trattamento, in genere non vi si sottopone in quanto non ha una conoscenza approfondita sull’argomento.

Per cercare di fare chiarezza sul laser per la miopia, ho deciso di rispondere alle 10 domande ricorrenti dei pazienti sull’intervento per la miopia.

Quante tecniche esistono per l’operazione della miopia?

Esistono diverse operazioni per la correzione della miopia, in base alla gravità del difetto e alle condizioni oculari del paziente.

Le più utilizzate – e con un livello di sicurezza più elevato – sono:

  • la FemtoLasik;
  • la PRK;
  • l’impianto di lenti intraoculari (solo nei casi di miopia elevata).

Cos’è esattamente la FemtoLasik?

La FemtoLasik è un’evoluzione della tecnica Lasik.

Questa tecnica permette di correggere la miopia con il laser, ma anche tutti gli altri difetti visivi – in poco tempo e senza dolore.

La Femtolasik utilizza due laser differenti per la correzione, che la rendono un’operazione senza bisturi:

  • il laser a femtosecondi;
  • il laser ad eccimeri.

Con il laser a femtosecondi viene creato un flap corneale che, come un foglio, viene sollevato per attuare la correzione con il laser ad eccimeri, che rimodella la superficie oculare.

La differenza sostanziale ristetto alla Lasik è data dall’eliminazione dei rischi dati dalla creazione del flap corneale con il bisturi: nella FemtoLasik la precisione del flap corneale è impeccabile, permettendo una guarigione molto più veloce e con fastidi post-operatori praticamente nulli.

La FemtoLasik viene utilizzata per la correzione di tutti i difetti visivi, fatta eccezione per i casi di miopia elevata – che viene trattata con l’impianto di lenti intraoculari – e di anomalie della cornea, per le quali si utilizza la PRK.

Cos’è esattamente la PRK?

La PRK è una procedura che utilizza ugualmente il laser ad eccimeri, ma non il laser a femtosecondi.

In questa tecnica, infatti, non viene creato il flap corneale: la correzione consiste in un procedimento di ablazione (vaporizzazione), che cambia la struttura oculare.

Agendo in modo differente, il recupero post-operatorio, purtroppo, è più lungo e doloroso.

La PRK viene utilizzata nei casi in cui non sia possibile sottoporsi alla FemtoLasik, principalmente quando:

  • si ha una cornea molto sottile (che impedisce la creazione di un corretto flap corneale);
  • si hanno delle anomalie corneali.

Sono trattamenti dolorosi?

L’operazione per la miopia non è doloroso.

Vi sono delle differenze principalmente nel post-operatorio: nella FemtoLasik il recupero minimo per poter svolgere le attività quotidiane e lavorative è di 3 giorni; nalla PRK, invece, oltre ad essere più dolorosa, il tempo di recupero si aggira intorno alle 2 settimane.

Vi sono delle controindicazioni per l’operazione di correzione della miopia?

intervento miopia controindicazioni

Non vi sono particolari controindicazioni per l’intervento laser per la miopia.

Bisogna aver compiuto almeno 25 anni e avere il difetto stabile da almeno un anno.

Inoltre l’occhio deve essere sano; in caso di glaucoma o cheratocono sarà il medico a valutare la candidatura del paziente.

Vi sono inoltre, alcune patologie, quali il diabete grave o l’artrite reumatoide, che possono rendere il paziente non candidabile.

A chi è indicato?

A tutti i pazienti seriamente motivati che, dopo il check-up refrattivo, vengono considerati candidabili per l’intervento di miopia.

Cosa bisogna fare prima dell’intervento per la miopia con il laser?

Prima dell’intervento viene programmato un check-up refrattivo per valutare l’idoneità del paziente al trattamento (FemtoLasik o PRK in base ai casi citati prima), che prevede il non utilizzo delle lenti a contatto per un tempo variabile:

  • per le lenti morbide, 7 giorni;
  • per le lenti semirigide o rigide, 15 giorni.
lenti a contatto miopia

Ho una miopia lieve, posso fare il laser?

Certamente, non vi sono controindicazioni in questo senso.

La miopia elevata, in alcuni casi, viene trattata con l’impianto di lenti intraoculari: questa valutazione, comunque, spetta al chirurgo.

La miopia lieve viene trattata senza problemi.

Quali sono i tempi di recupero?

Nei casi della FemtoLasik, è possibile riprendere le attività lavorativa in 3 giorni. Il recupero completo avviene in un mese, nel quale sarà necessario seguire le indicazioni post-operatorie. Il post-operatorio della FemtoLasik è indolore.

Per quanto riguarda la PRK i tempi effettivi variano da una settimana a 15 giorni. Nei giorni successivi si avvertirà del dolore e il recupero completo si ha dopo 2 mesi. L’assestamento della vista varia, invece, dai due ai 6 mesi.

Quanto costa?

Grazie alle convenzioni da me attivate, puoi dilazionare il pagamento nel tempo, senza avere il peso del pagamento immediato. A questo link puoi vedere diverse simulazioni di pagamento, con 12, 18 o 24 rate mensili, per agevolare chi vuole effettivamente correggere la propria miopia e non utilizzare più gli occhiali e le lenti a contatto.

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche: