dr. Gaspare Monaco

dr. Gaspare Monaco

Medico chirurgo oftalmico dell'Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico

Astigmatismo: molteplici tipologie, un’unica soluzione

Astigmatismo: è importante classificarlo correttamente perché ne esistono diversi tipi. Una diagnosi corretta permette di impostare efficacemente l'intervento laser.
astigmatismo lasik

Ogni paziente che scopre di essere astigmatico non sa esattamente in cosa consista il proprio difetto visivo.

Sanno solo che le immagini risultano sfocate e che devono necessariamente correggere il loro difetto per avere una qualità di vista – e quindi di vita – ottimale. Anche tu sei tra queste?

In questo articolo parleremo proprio di astigmatismo, dei sintomi, delle cause, delle varie tipologie e delle soluzioni possibili, sperando di chiarire i dubbi che, alle volte, possono rimanere dopo una diagnosi.

Questo articolo, come tutti gli altri di questo blog, ha l’obiettivo di dare delle risposte attendibili e sicure ai dubbi legati ai proprio difetti visivi o patologie oculari: invito comunque le persone, ad ogni visita specialistica, a porre tutte le domande al proprio medico per informarsi sempre al meglio.

Vediamo adesso in cosa consiste l’astigmatismo.

Cos’è l’astigmatismo

vista nitida da lontantovista con astigmatismo

L’astigmatismo è un difetto visivo (ametropia) che penalizza sia la vista da lontano che quella da vicino.

La luce che penetra nell’occhio viene divisa in due linee focali che non proiettano le immagini nella retina, rendendo la vista sfocata e difficoltosa.

L’occhio astigmatico, quindi, non riesce a mettere a fuoco le immagini nel punto giusto, creando un’immagine doppia o sfocata.

L’astigmatismo può, inoltre, essere associato a:

I sintomi dell’astigmatismo

Quando si soffre di astigmatismo, ci si accorge fondamentalmente di non mettere a fuoco correttamente le immagini: ma questo non è l’unico sintomo.

È possibile, infatti, riscontrare anche i seguenti sintomi:

  • stanchezza oculare;
  • bruciore agli occhi;
  • lacrimazione eccessiva;
  • dolore oculare;
  • immagini percepite doppie;
  • mal di testa;
  • riduzione della vista;
  • visione offuscata.

Le cause dell’astigmatismo

La causa principale dell’astigmatismo è data dalla curvatura imperfetta della cornea o – più raramente – del cristallino.

Si parla, appunto, di:

  • astigmatismo corneale, quando l’anomalia è causata dalla forma errata della cornea;
  • astigmatismo interno o lenticolare, quando è causato da anomalie del cristallino.

Altre cause possono essere:

  • comportamentali, ovvero legate alle abitudini del paziente;
  • traumatiche, quali urti, abrasioni o graffi;
  • legate all’uso eccessivo di lenti a contatto.

Le diverse tipologie di astigmatismo

astigmatismo classificazione

In base alla posizione delle linee focali rispetto alla retina, possiamo distinguerne diverse tipologie di astigmatismo:

  • l’astigmatismo semplice;
  • l’astigmatismo composto;
  • l’astigmatismo misto.

Per quanto riguarda l’astigmatismo semplice, possiamo a sua volta distinguerlo in:

  • astigmatismo miopico semplice, in cui una linea focale si focalizza perfettamente sulla retina, mentre l’altra davanti;
  • astigmatismo ipermetropico semplice, in cui una linea è sulla retina, mentre l’altra proietta le immagini dietro di questa.

L’astigmatismo composto può essere ipermetropico o miopico, ma entrambe le linee focali si proiettano rispettivamente dietro e davanti alla retina, mentre nell’astigmatismo misto una linea è dietro e l’altra davanti.

Possiamo fare un’ulteriore suddivisione in:

  • astigmatismo lieve (da 0 a 1 diottria);
  • astigmatismo medio (da 1 a 2 diottrie);
  • astigmatismo elevato (oltre le 2 diottrie).

Può capitare di avere un leggero astigmatismo fisiologico (intorno a 0,50-0,75 diottrie) che viene compensato dal potere accomodativo del cristallino. Questo, in alcuni casi, può generare mal di testa, ma in linea di massima non crea disturbi nel paziente, in quanto molto leggero e non estenuante: per questo motivo può non essere trattato.

L’astigmatismo elevato, diversamente da quello lieve, è presente fin dalla nascita ed è soggetto a mutamenti durante il corso della vita.

Quando si classifica, invece, l’astigmatismo in base all’orientamento del meridiano più curvo, si parla di:

  • astigmatismo secondo regola – la forma più diffusa – quando il meridiano più curvo è tra i verticali (tra 60° e 120°);
  • astigmatismo contro regola, quando il meridiano curvo è quello orizzontale (tra 0° – 30° e 150°- 180°);
  • astigmatismo obliquo, quando gli assi non sono né orizzontali né verticali (tra 60° – 30° e 120° e 150°).

Si parla, inoltre, di astigmatismo regolare quando l’angolo tra i meridiani è uguale ai 90°, mentre di astigmatismo irregolare quando invece l’angolo tra i due meridiani è diverso dai 90°.

Più raro e dal trattamento più complesso è l’astigmatismo irregolare, che può essere uno dei sintomi principali del cheratocono, una patologia degenerativa in cui la cornea prende la forma di un cono.

Test astigmatismo

Come si corregge l’astigmatismo?

Come gli altri difetti visivi, l’astigmatismo si può correggere con lenti a contatto e occhiali da vista, che grazie alla loro conformazione deviano la luce in ingresso negli occhi, permettendo la messa a fuoco corretta delle immagini.

La soluzione definitiva, comunque, per eliminare l’astigmatismo è la chirurgia refrattiva: al giorno d’oggi, la tecnologia ha fatto passi da gigante, dando la possibilità ai medici di operare senza bisturi, utilizzando un laser ad eccimeri per rimodellare le imperfezioni oculari.

Questa procedura con il laser, chiamata FemtoLasik, permette di correggere non solo l’astigmatismo, ma anche miopia, ipermetropia e presbiopia, in una seduta che dura circa 20 minuti.

Occhiali da vista

Per quanto riguarda gli occhiali, vengono utilizzate delle lenti cilindriche o toriche che modificano solo la linea focale patologica.

Nei casi di astigmatismo irregolare, può essere complesso correggere il difetto con gli occhiali da vista, soprattutto quando è sintomo del cheratocono: in questo caso, si utilizza un’altra procedura che serve ad arrestare lo sfiancamento progressivo della cornea, chiamata Cross-Linking corneale.

Lenti a contatto per l’astigmatismo

Analogamente agli occhiali da vista, le lenti a contatto per l’astigmatismo sono toriche e permettono la correzione dell’astigmatismo utilizzando questi supporti.

Tuttavia, l’unico modo per curare definitivamente l’astigmatismo è la chirurgia refrattiva.

Intervento laser agli occhi per l’astigmatismo

La chirurgia refrattiva in questi ultimi decenni ha notato miglioramenti importanti nella correzione dell’astigmatismo.

Per curare tutte le tipologie di astigmatismo si ricorre oggi alla FemtoLasik – ad esclusione dell’astigmatismo da cheratocono – che viene trattato con il Cross-Linking corneale e che non può essere corretto con la FemtoLasik – una tecnica mista che unisce la precisione del laser a femtosecondi con quello del laser ad eccimeri.

Dopo aver creato un flap corneale con il laser a femtosecondi, si rimodella il bulbo oculare per correggere la vista, dimenticando il fastidio di lenti a contatto ed occhiali.

La FemtoLasik (o Lasik) è una procedura

  • sicura;
  • affidabile;
  • precisa.

Sia il trattamento che il post-operatorio sono indolori, perché trattandosi di una delle parti più delicate del nostro corpo, gli studi si sono focalizzati sulla minimizzazione del dolore.

Come per gli altri difetti visivi, è necessario sottoporsi a degli esami preliminari, il checkup refrattivo – per valutare la possibilità di svolgimento della Lasik, considerando che:

  • il difetto deve essere stabile da almeno un anno;
  • non bisogna avere patologie dell’occhio, come il cheratocono.

Gli interventi di chirurgia refrattiva sono tra i più eseguiti al mondo: solo in Italia, ogni anno se ne svolgono 100mila.

La chirurgia refrattiva viene praticata da circa 100 anni e negli ultimi 30 le tecniche si sono affinate enormemente, tanto da diventare una scelta sempre più considerata dalle persone che vogliono abbandonare per sempre gli occhiali e le lenti a contatto.

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbe interessarti anche: